No Fixed Abode a Terrasini (Pa)

Sarà inaugurata domenica 3 Luglio 2016, alle ore 19, presso il Margaret Cafè (via V. Madonia 93) di Terrasini (PA), “No Fixed Abode”, personale di fotografia di Giuseppe Iannello.

Ref01 010

 “No Fixed Abode” è un progetto nato dall’esigenza di descrivere la difficile realtà di un qualsiasi richiedente asilo politico a Newport, in Galles. Questo lavoro è l’epilogo del viaggio affrontato dai migranti attraverso l’Europa che ha, come ultimo approdo, la Gran Bretagna.

In accordo con i soggetti fotografati, Giuseppe Iannello ha coperto i loro volti per suggerire la loro perdita di identità, rappresentare le miriadi di persone che hanno affrontato lo stesso viaggio, e, al contempo, perché gli stessi migranti non vogliono essere riconosciuti per paura di conseguenze nei loro paesi di origine. Come ha scritto nel testo di presentazione Lidia Vitale, “La migrazione sconvolge equilibri, e ne risalta tutta la loro precarietà, sconvolge le gerarchie di potere più o meno visibili e costringe a ripensare ad un tipo di società a cui la civiltà non è abituata da millenni, a pensare. Impone uno stravolgimento di quelle abitudini e acquisizioni che sembra condurre ad una implosione dello stato sociale e della civiltà tutta”.

L’esposizione fotografica di Giuseppe Iannello, promossa dall’Associazione Asadin, testo di presentazione a cura di Lidia Vitale e con la collaborazione di Evelin Costa, è, quindi, un invito a riflettere e a riflettersi in una realtà che quotidianamente avvolge e non può non sconvolgere il nostro quotidiano.

La mostra sarà visitabile fino al 23 luglio 2016, tutti i giorni dalle 9 alle 23.

Precedente Il paradiso perduto di Linda Randazzo da Incontri in Arte Successivo Danza e non solo: #Lovebox a Palermo!