Crea sito

Visita a…La Rocca di Elven!

Salve, Cari Follower! Oggi pubblico un post un po’ atipico per la vostra Marga Rina: sarà la “cronaca” di un incontro e della mia particolarissima esperienza all’interno di un mondo popolato da elfi, gnomi, folletti e tante altre creature magiche. Ho per la precisione visitato “La Rocca di Elven” e conversato, mentre questo simpatiche creaturine mi facevano le feste e mi esortavano a giocare con loro, con il loro portavoce umano, Atar, incaricato dagli anziani del villaggio di tenere il Diario del grande concilio che si svolge ogni 100 anni in occasione dell’apertura delle ‘’ Porte Magiche ‘’sparse nel nostro Mondo. E proprio in occasione di questa speciale apertura io l’ho incontrato e quanto segue mi ha raccontato e mi ha mostrato.

Buona lettura!

Amici Umani, Amica Marga Rina, sono il vostro Amico Umano ATAR e sono pronto ad oltrepassare la porta magica del villaggio ed ad introdurvi nella Rocca di Elven, dove La Fantasia diviene Realtà!

Lasciate che il vostro cuore si apra e che il Fanciullo che è in voi guardi con occhi puri e sinceri e si lasci trasportare in un mondo fatato.

Prima di varcare la Porta Magica degli Elfi che ti condurrà in questo luogo Fantastico, sappiate che presso il nostro villaggio non abbiamo un “ io” da imporre ma un “IO” da sviluppare, da Conoscere e, con l’ausilio della creatività,  da Risvegliare.

Ogni Umano che viene accolto dalla comunità del Piccolo Popolo abbandona il proprio nome per riceverne uno nuovo, una nuova Esistenza…ATAR è il mio nome, questo da quando presso la Rocca di Elven sono stato incaricato dagli anziani del villaggio di tenere il Diario del grande concilio che si svolge ogni 100 anni in occasione dell’apertura delle Porte Magiche sparse nel nostro Mondo.

Come avrete ben intuito, anche nel nostro villaggio si trova uno di questi varchi, dove anni or sono anche io ho incontrato gli Abitanti del Piccolo Popolo, un popolo composto daFate, Gnomi, Folletti, Draghi, Silfidi e Salamandre. Creature Magiche che, di tanto in tanto, appaiono a chi ha il cuore puro e la mente aperta, oppure, come nel mio caso, dopo una caduta da Cavallo. Questi Spiriti Naturali o Soprannaturali sono ad un passo, intorno a noi, desiderosi di RI-incontrarci.

Ma permettetemi di fare un passo indietro, prima di narrarvi delle attività quotidiane del nostro villaggio, immaginario per molti, reale solo per alcuni. Era un Mondo Magico, le cui origini affondano nella Notte dei Tempi, un luogo dove tutte le Esistenze  vivevano un Di’ in Armonia tra loro. Era un Luogo dove creature alate si muovevano giocosamente intorno ai fiori… liberi nella Natura , prima che l’Uomo mutasse … e nulla fù più come prima.

I Regni si chiusero e dall’Uomo, dimentico il valore dell’Armonia con il resto degli Esseri a lui vicini, nacque la Superbia, la peggiore tra le figlie d’uomo, che conquistò il cuore di molti… Pian Piano l’ Uomo crebbe e comincio a non vedere il mondo attorno a sè, cominciò a non distinguere più il mondo in cui viveva mentre tutto si trasformava.
” Materia ” prese forma e l’uomo rimase solo a vagare nella solitudine della Terra …da allora un grande vuoto pervase il suo cuore e quello dei suoi figli…
Le Ere trascorrono lente nell’eterno ciclo dell’ Essere, ma l’universo non dimentica quelle creature sulla terra, fatte poco meno degli Angeli, ingannati da Superbia…
Forse un giorno il cuore dell’Uomo tornerà ad ascoltare la “Terra” e i suoni che essa produce… forse Uomo e Natura torneranno a dialogare, forse un giorno tutti gli esseri torneranno in Armonia e il Velo cadrà.

La strada da percorrere è ancora molta ma non dobbiamo scoraggiarci e insieme potremmo risvegliare il Bello e il Buono presente nella Nostra Natura. Potremmo cominciare, per esempio, a portare al nostro prossimo più Luce, nutrendoci delle meraviglie che ci circondano e che spesso non scorgiamo più nella frenesia della nostra quotidianità… Noi Alla Rocca di Elven ci Proviamo in Tal Modo….

Marga Rina: Spiegaci bene in che modo ci provi.


Atar: Spesso nella società contemporanea dimentichiamo il significato di alcune parole, forse perché abbiamo perso in questo caso specifico,a causa maggiore noi “ adulti”, il senso reale del termine Gioco, ma ancor di più il valore intrinseco del ”Giocattolo”.

La ”Missione” principale della Rocca di Elven è quella, con L’ausilio del Giocattolo, di sollecitare la riscoperta del ”Fanciullo” che continua a vivere in ognuno di noi. Quel ”Fanciullo Pascoliano” che guarda tutte le cose con stupore, con aurorale meraviglia, come fosse la prima volta. Esso arriva alla verità non attraverso il ragionamento ma in modo intuitivo ed irrazionale. Gli occhi del fanciullo scoprono nelle cose le somiglianze e le relazioni più ingegnose; adattano il nome della cosa più grande alla più piccola, e al contrario; rimpiccioliscono per poter vedere, ingrandiscono per poter ammirare, giungendo, immediatamente e intuitivamente, quasi per suggestione, al cuore delle cose e al mistero che palpita segreto in ogni aspetto della vita. La CREATIVITA’, la Poesia , la Musica, l’Arte  in ogni sua forma ci mette in comunicazione immediata con il mistero che è la realtà vera dell’essere. Essa è un mistico contatto con l’anima delle cose ed è la forma suprema di conoscenza ed è per questo che il Nostro laboratorio ha deciso di rivolgersi principalmente al Mondo immaginario dei Bambini e attraverso di esso parlare al mondo degli Adulti.

Il nostro Giocattolo d’Arte è sempre un pezzo unico, con un concetto compositivo e decorativo unico che mai sarà ripetuto, esso è realizzato a mano ex novo senza l’ausilio di stampi, quindi l’originale opera scultorea non è possibile usarla come matrice.L’idea di creare dei giocattoli d’arte scaturisce dal desiderio di realizzare delle opere rivolte al mondo dei bambini trasmettendo loro cultura, proporzioni,senso estetico e cromatico, simpatia e affetto, oggetti che siano desiderati ma anche rispettati in quanto la loro funzione educativa non è fisica ma intellettuale.

Il giocattolo d’arte è amato anche dall’adulto perchè è un oggetto proiettato nel futuro acquistando valore nel tempo, in particolar modo a livello affettivo. I giocattoli della Rocca di Elven, sono anche oggetti che si sposano all’idea di regalo come ricordo di importanti momenti di vita, di affetto verso persone care o legate da stretta amicizia, in ogni caso opere create per appartenere al mondo del collezionismo di qualità oltre che dare colore, luce, allegria e vita all’’arredamento della propria abitazione. Giocattoli come le FANTASY HOUSE LAMP realizzate in pasta a base di minerali ed argilla, creati con la più spensierata libertà artistica e senza limiti di tempo, o la serie Fantasy realizzate con tecniche miste su vari supporti come tela o legno dall’ Opificio di AEGON, che oltre a mettere in evidenza la grafia artistica, le caratteristiche creative e tecniche, affettive e psicologiche dell’autore, posseggono in sè un’anima che rimanda al mondo magico della fantasia.

Oppure , i ‘’ DWARF LAMP ‘’ realizzati dall’ Opificio di ATAR che insieme alle Fantasy House Lamp, attirano l’attenzione dell’osservatore invitandolo ad una osservazione conoscitiva più attenta e regalando poi piacevoli sensazioni di serenità, gioia, tenerezza e affetto…

Attraverso Il Giocattolo, “La rocca di Elven” si propone di riavvicinare al mondo naturale, della fantasia e del rispetto per ciò che ci circonda, consapevoli che tutto ci appartiene in una stretta relazione esistenziale oltre ogni Tempo ed ogni Spazio.

E’ per tal motivo che si comincia presto a lavorare presso i nostri Opifici…i Nostri Elfi non vendono l’ora di accontentare più piccini possibile e Adulti ovviamente!

E NON DIMENTICATE…

Anche alla Rocca Di Elven, vivono alcuni Folletti di Natale

I nostri piccoli non vedono l’ora di scoprire i magici doni degli Elfi, nel Nostro villaggio si riconoscono subito, vestono con abiti Rossi o Verdi, ed hanno lunghe orecchie appuntite….non ci resta che aspettare , qui al villaggio siamo tutti curiosi e Voi???

Marga Rina: Dove è possibile trovare questi giocattoli?

Atar: Potete trovare i nostri Giocattoli a Palermo, presso alcune delle Sedi Alab, realtà associazionistica che sta diffondendo in questa città un eccellente senso di cooperazione e sinergia, rivalutando e spesso ricostruendo interi volti di Palermo.

In Particolare potete trovarli presso

la sede ALAB in via Divisi  39,

al laboratorio Alab Artemisia in via Vittorio Emanuele 387,

in uno dei nostri Opifici sito in viale Regione Siciliana N.O. 2841.

Potete inoltre scriverci all’indirizzo e-mail dei nostri Elfi Artigiani: [email protected] oppure chiamare i numeri 3275324808 (Opificio di ATAR) o 3466854410 (Opificio di AEGON)

Seguiteci infine su Instragram, Youtube e Facebook!

Prima di congedarci il nostro Augurio: ’”Tornate Bambini per riscoprire il vero Adulto che risiede in ognuno di Voi.”  VANYA SULIE !