Teste di legno al Teatro Biondo

Sarà visitabile fino al 6 marzo 2016, presso il foyer del Teatro Biondo di Palermo, la riproposizione di “Teste di legno. Omaggio al teatro di figura” dello scenografo Roberto Lo Sciuto.

In mostra ci sono coloratissime teste di pupo, teatrini, altaroli, scarabattole ed installazioni varie, che, sotto l’effetto magico della manipolazione creativa di Lo Sciuto, hanno il fermo intento di sottrarre all’oblio e a un destino di rottamazione le teste e le testine di legno che i pupari e artigiani siciliani preparavano, più in passato che adesso,  per realizzare i pupi della tradizione.

1

Lo Sciuto, invece, le compra a poco prezzo sottraendole alla morte sul rogo della dimenticanza per ridare loro una seconda vita: tra il pop e il minimal, testine anonime diventano oggetti estetici  della postmodernità e, lontane dal più tradizionale contesto dell’Opra dei Pupi, come recita il testo critico “con laica ironia parlano una nuova lingua, traducendo da quella originaria il mondo e le sue frivolezze e deliri”.

Ricontestualizzando le teste, pitturandole, ornandole e assemblandole con altri materiali riciclati, come legno, crinoline, vecchie immagini o passamanerie, l’artista inventa un mondo dei balocchi enigmatico e divertente allo stesso tempo, che mantiene , però l’eco di un legame con l’immaginario popolare del teatro di figura, pur rivendicando una propria autonomia concettuale.

2

Come ho scritto all’inizio, la mostra è una riproposizione con un nuovissimo allestimento di “Teste di legno”, che, alla fine del 2012, Roberto Lo Sciuto espose a Palazzo Tarallo, della quale la vostra Marga Rina si è occupata nella vecchie sede del blog.

Titolo: Teste di legno

Dove: Teatro Biondo

Via Roma, 258

Fino al 6 marzo 2016

Orari: tutti i giorni (escluso lunedì), 10-13; 16-19

Ingresso Libero

 

Precedente Oltre la soglia, mostra di nature morte da Elle Arte Successivo This is the Dead Land di Roberto Fontana