Sentinelle dell’Arte Siciliana al Villino Favaloro

Sarà inaugurata sabato 19 dicembre 2015, alle ore 18, presso il Villino Favaloro (Piazza Virgilio) di Palermo, la collettiva “Sentinelle: nuova scuola siciliana”.

IGNAZIO-SCHIFANO,-Notturno-di-Genesi,-160-x-140-cm,-olio-su-tela,-2015
Ignazio Schifano – Notturno di Genesi, 2015

In mostra saranno oltre quaranta opere di ventuno artisti palermitani, noti sia a livello nazionale sia a livello europeo, eletti dal critico ed ideatore Giuseppe Carli a “sentinelle” auto-incaricatesi di proteggere “l’arte pura, fatta di antiche tecniche, ricettari, schizzi e bozzetti”, di vigilare per la libertà d’espressione e per la tutela della pura pittura e vegliare appassionati il sacro mondo della creazione ispirata e ispirante le coscienze degli uomini.

Questi esponenti di una neonata scuola siciliana, tra i quali annoveriamo Daniela Balsamo, Dalila Belato, Momò Calascibetta, Alessandro Costagliola, Lorenzo Gatto, Nicolò Morales, Ignazio Schifano e l’amico Roberto Fontana, che la vostra Marga Rina ha recentemente intervistato, emulsionando insieme simbolismo, realtà e fantasia e utilizzando variegati supporti e materiali, come precisa Carmela Spinelli, hanno, con consapevolezza, creato un linguaggio nuovo attraverso svariati supporti e materiali, pur rimanendo a guardia delle radici rappresentate dall’arte del passato, indispensabili appigli che danno la forza per ripartire verso nuovi percorsi e una sempiterna riscoperta di una nuova sensibilità verso il bello.

Come ha, puntualmente, precisato Carli, tali sentinelle hanno ideato “una moltitudine di opere meritevoli di essere un nuovo riferimento non solo per la Sicilia ma anche per l’Europa” e in grado, come fari sull’orizzonte del Mediterraneo, di risvegliare “la coscienza di ogni uomo e il desiderio di infinito che tutti hanno nel profondo”.

Dalle ore 18 di sabato 19 dicembre, madrina d’eccezione sarà Soimita Lupu, prima ballerina internazionale che, per l’occasione, taglierà il nastro della collettiva, promossa dall’Associazione Culturale BoBeZ e dalla Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Palermo.

La mostra sarà visitabile fino al 15 gennaio 2016, dal martedì al sabato, dalle 16 alle 20, domenica e festivi dalle 9 alle 13. Il 25 dicembre la mostra resterà chiusa.

Precedente Vista per Voi: Variazioni di luce da Elle Arte Successivo Riflessioni prenatali