Please, hold the line alla Galleria La Piana di Palermo

Come ben sapete, cari follower,  dal 29 settembre 2017, a Palermo, è iniziata l’XI edizione de “Le vie dei tesori” con numerosissime novità: oltre al coinvolgimento di altre località siciliane, quest’anno anche 30 tra gallerie private e spazi definiti “alternativi” hanno aderito all’Itinerario Contemporaneo della Manifestazione. Come riporta la sezione dedicata all’evento, sarà “Una caccia al tesoro, alla scoperta dell’arte contemporanea, rintracciando passo dopo passo i luoghi che la custodiscono e la propongono al pubblico. Un viaggio fra trenta gallerie private e spazi alternativi – alcuni aperti per l’occasione- tra pittura, fotografia, scultura, performance, videoarte di artisti giovani e maestri già affermati”.

Oggi scriverò di “Please, hold the line! Escursioni nel disegno Italiano del ‘900: da Attardi a Zancanaro”, mostra collettiva di disegno, a cura di Nicolò D’Alessandro,  visitabile in questi giorni alla Galleria La Piana di Palermo.

Tra i nomi degli artisti in mostra figurano quelli di Ugo Attardi, Bruno Caruso, Renato Guttuso, Emilio Greco, Emilio Scanavino, Renzo Vespignani, Tono Zancanaro, Momò Calascibetta, Nicolò D’alessandro ,Giovanni Costa, Emanuele Giuffrida, Giovanni Iudice, Gino Merlina e  Antonio Miccichè.

Come  è riportato nel testo critico dell’esposizione, “Il disegno è “anima” per esprimere concetti, idee interiori, astrazioni. Ambisce alla coscienza e conoscenza più profonda dell’uomo. Non è peregrino affermare che il disegno costituisce la prima forma virtuale della comunicazione. È la traduzione immediata di un’idea astratta in una forma visibile e quindi comunicante. Scrivevo qualche tempo fa che il disegno non è come molti sono portati a credere espressione di ricerca preparatoria a qualcos’altro. Al contrario è qualcosa di autonomo, l’espressione più vicina alla labile traccia della propria idea, del proprio pensiero. Il disegno appartiene da sempre alla cultura elementare dell’uomo, alla sua immediatezza comunicativa. Potremmo aggiungere che il disegno è la prima arcaica forma virtuale della rappresentazione umana.” 

Muovendosi nelle tre sale espositive della Galleria La Piana sarà possibile ammirare in tutta la loro nitidezza espressiva opere di grandi artisti del ‘900 italiano, come Ugo Attardi o Renato Guttuso o il tocco acquerellato di Renzo Vespignani  fino ad arrivare alle dettagliate ed elaborate opere dei più recenti ed affermati Giovanni Iudice o Momò Calascibetta.

Sarà un vero e proprio viaggio nella storia del Disegno Artistico Italiano, dai primi anni del Novecento fino ai nostri giorni, e sarà semplice riconoscere, in alcune opere, la firma, spesso limitata a pochi ma accurati tratti di matita o di china, che ha reso grandi i nomi dei nostri artisti a livello internazionale.

Titolo: Please, hold the line! Escursioni nel disegno Italiano del ‘900: da Attardi a Zancanaro

Dove: Galleria La Piana

Via Isidoro La Lumia 79, Palermo

Fino al 31 ottobre 2017

Orari: da martedì a giovedì, 10:30-13; 16:30-20; da venerdì a domenica, 10-18.

Precedente A Palermo, la manifestazione "A place to stay" Successivo Vista per Voi: Interno Giorno di Daniela Balsamo