Laboratorio creativo “Sedie al Genio” alla Vucciria di Palermo

Continuano gli eventi organizzati alla Vucciria, nel cuore di Palermo, con la passione e l’estrosità creativa degli Artisti del Cortile della Morte.

Dopo la mostra spontanea del 22 aprile scorso, che ha colorato i muri del Vicolo della Morte, a pochi passi da Piazza Garraffello e dopo il Live Painting di domenica 6 maggio, un nuovo appuntamento è stato fissato per domenica 20 maggio 2018 dalle ore 11 alle ore 22, al Cortile della Morte a Piazza Garraffello per cominciare a lavorare alle “Sedie del Genio”, un progetto di Carola Arrivas Bajardi.

Nel 2017, su proposta del Comitato Vucciria, la Arrivas Bajardi ha ideato il progetto del “Serpente del Genio”, una lunga seduta collettiva realizzata tramite il recupero di sedie rotte e abbandonate, che sono state collegate a formare una lunga panchina/serpente.

Il progetto è nato dall’esigenza di recuperare la memoria e l’identità collettiva di un luogo emblematico della città di Palermo, fatto di persone prima di tutto: il mercato della Vucciria con le sue sedie messe in strada. L’obiettivo è stato fin da subito quello di mostrare che la possibilità per il quartiere di rinascere non può prescindere dal recupero del suo Genius Loci.

Il Genius Loci della Vucciria è custodito in una nicchia secentesca in piazzetta del Garraffo, il celebre Genio di Palermo, un vecchio barbuto, cinto da un serpente che si nutre del suo petto. Il serpente, la cui simbologia è complessa e polisemica, è segno di decadimento, di fine, di morte, ma anche di rinascita, di cambiamento e di trasformazione. Il serpente, dunque, è pregno di tutta la simbologia ciclica che riguarda la vita e la morte.

L’idea del “Serpente del Genio”, con la sua forza evocativa, ha coinciso con l’innesco di un processo spontaneo di partecipazione collettiva.

Le sedie rotte e abbandonate, una volta raccolte, sono state aggiustate, ridipinte di bianco e completate con materiale di recupero (cavi elettrici, corde, copertoni di bicicletta, ecc.) presso il laboratorio di falegnameria del Centro Astalli di Palermo. Poi una lunga seduta ha preso forma in una performance che si è snodata lungo la piazzetta del Garraffo. Le sedie sono state collegate fra loro a formare un lungo serpente, in un’installazione di strada promossa dal Comune di Palermo.

Il progetto è stato selezionato dalla BIAS 2018 ed il video della performance collettiva è attualmente in mostra presso il Museo Riso.

Poiché il “Serpente del Genio” non ha una fine, il progetto continua e si evolve nutrendosi di nuovi stimoli e spunti creativi, così insieme con il Collettivo Artisti del Cortile della Morte, Carola Arrivas Bajardi, domenica 20 maggio, ha organizzato una seconda tappa con una call di artisti che potranno realizzare le “sedie d’artista” che si aggiungeranno alle 12 già realizzate.

Gli artisti che accorreranno potranno realizzare ognuno una loro sedia d’artista che sarà loro messa a disposizione dagli organizzatori o che potranno portare loro stessi a Piazza Garraffello. Tutta la performance creativa sarà filmata e prenderà definitivamente forma il 3 giugno 2018 in occasione della manifestazione promossa dal Comune di Palermo “Il Genio, memoria, volti, luoghi”.

Le sedie saranno, infine, donate dagli artisti al comitato Vucciria per sedersi e svolgere le attività sociali.

Precedente Vista per Voi: Elogio della Luce da Elle Arte a Palermo

Lascia un commento

*