I Pittogrammi di Rosolino Mendola in mostra a Palermo

Sarà visitabile fino 30 aprile 2015, negli spazi espositivi di Incontri in Arte, a Palermo, “Pittogrammi”, personale “pittorica” di Rosolino Mendola.

L’artista siciliana, ma da anni residente a Milano propone una selezione dei suoi più recenti – a parte due tele degli anni ’70 – e peculiari pittogrammi: sono opere di vario formato recanti i segni grafici e i soggetti tipici della pittura rupestre, i notissimi graffiti delle grotte preistoriche (come le grotte di Lascaux, in Francia, quelle di Altamira, in Spagna o le panormitane grotte dell’Addaura) raffiguranti, in genere, grandi animali selvaggi come bisonti, cammelli, giraffe e figure umane stilizzate. I pittogrammi, infatti, sono segni grafici che rappresentano la cosa vista e non la cosa udita, come avviene, ad esempio, per le scritture alfabetiche.1

L’aspetto sorprendente delle opere di Rosolino Mendola, che ha più volte esposto alla Galleria Prati di Palermo, che ha scelto le sale espositive dello studio Incontri in Arte per esibire le opere dell’artista alinusano, è la tecnica con la quale sono realizzate: prima di dipingere con olio i suoi pittogrammi e i segni limitrofi, Mendola spalma le tele con terra siciliana, come mi ha riferito l’artista Valeria Cacioppo, titolare dell’atelier Incontri in Arte, terra che si fa spedire direttamente da varie zone della Sicilia! Spesso è terra bruna e marrone, altre volte verdognola, ma sempre siciliana. L’attaccamento alla Madre Terra natia e ancestrale, che si riflette anche nella scelta dei materiali pittorici è il tema ricorrente delle opere di Rosolino Mendola, che, tra i suoi interessi, come riporta sulla sua pagina face book, include proprio la vita in campagna, le tradizioni della cultura agricola siciliana e, appunto, gli animali.

2

Titolo: Pittogrammi

Dove: Incontri in Arte

Via Siracusa 9, Palermo

Fino al 30 aprile 2015

Orari: lun.-sab. 16,30-19,30

Ingresso gratuito

Precedente La vostra Marga Rina ospite di Radio In Successivo In attesa di un'intervista Godot-iana!