Hologram di Giacomo Failla a Palazzo Ziino

La vostra Marga Rina non è sparita e non sparisce quasi mai perché vigila e vi osserva sempre…

Sarà inaugurata venerdì, 20 marzo 2015, alle ore 18, presso le ampie sale espositive di Palazzo Ziino, – vi ricordate il parco giochi, eh? – in via Dante 53, a Palermo, “Hologram”, personale dell’artista catanese Giacomo Failla.

11013385_1397503133897920_8935716029398213285_n

A caratterizzare i suoi dipinti sono effetti illusoriamente tridimensionali, interferenze ottiche e diffrazioni, simboli e vaghi echi Pop Art. In alcune sue tele, poi, attraverso la rete fitta ed intricata di linee verticali ed orizzontali, si intravedono in prospettiva ritorni figurali e volti wahroliani, appena nascosti nel reticolo in cui si sono trasformati i suoi listelli colorati, proprio come in parte emerge dalla figura allegata.

Giacomo Failla ama i percorsi che richiamano spesso l’idea del labirinto chiuso, che si ripete e rimanda all’idea di un costante inizio e senza una fine, ma con imprevedibili sbocchi liberatori.

La sua, come si evince dalle immagini delle sue opere sparse per il web, sia tele che peculiari lampade, è una pittura di colore, che è espressione di un laborioso travaglio interiore che con senso di equilibrio riesce ugualmente ad essere esternato, divenendo una ricerca delle emozioni che non può essere separata dal colore ma ne diventa quasi protagonista.

La mostra resterà aperta fino al 10 aprile 2015 e sarà visitabile dal lunedì al sabato, dalle 9,30 alle 18,30.

Precedente Ci vediamo alla Libreria del Mare, dal 13 marzo 2015 Successivo Quotidiano e Multiverso da AMORLab