Guardiamo le cose dell’amore con le foto di Nerina Toci

Sarà inaugurata sabato 30 Gennaio 2016, alle ore 18, presso il Margaret Cafè di Terrasini (Pa), la personale di fotografia di Nerina Toci intitolata “Tà aphrodìsia: lubricità spettrale dell’anima e della follia”.

Tà aphrodísia, letteralmente, “guardando le cose dell’amore” è il titolo della mostra personale di fotografie di Nerina Toci, nata a Tirana ma in tenera età approdata in Sicilia. Questo guardare le cose dell’amore con l’obiettivo fotografico è come uno scrutare gli abissi dell’anima, per disvelarne i segreti o, come ha scritto la curatrice Felicia Lo Cicero, “arrivare a se stessa, rincorrendo quell’immagine che è il suo spazio affrancato, perché la bellezza non conosce regole, puoi guardarla e s’interrompe il dire, perché l’amore è il suo desiderio e l’amore disorienta o illumina, possiede o si dona, per brama o per bene. La ricerca  continua…   lubricità  spettrale, fuggente, ineffabile dell’anima nell’amore e nella follia”.

I suoi scatti in bianco e nero non eternano un presente frammentato bensì una continuità storica decadente e un’asimmetrica tensione interiore.

Nerina Toci ok

“Ed è così che Nerina procede, dissimulando imbroglia lo sguardo per poi catturarlo, mostrando   il  soggetto nella sua violata identità. Ogni immagine è riferimento al suo  desiderio, ogni immagine è ciò che  viene cercato ed espiato, ogni foto è il capriccio di una bimba che non sa giocare e inscena le sue favole fra occhi ciechi e orecchie sorde nella marginalità di un’immaginazione incrociata in una società sbagliata.

Esistenziale al  parossismo, Nerina scopre nell’inconscio ottico la  via d’accesso all’Io, un mondo in  divenire   fatto di accadimenti e finzioni, di suggestioni e smaterializzazioni, manifestazione visibile di realtà invisibili;   un mondo elaborato consciamente nella creatività ambigua di un recondito segreto. Fotosensibile è l’interior intimo di una donna che accarezza la sua luce nell’inganno di una lusinga d’amore” (Felicia Lo Cicero)

La mostra è  promossa dall’Associazione AsaDin, ha come addetta alla comunicazione Evelin Costa e , come ricordato, come curatrice Felicia Lo Cicero, che sarà presente per l’inaugurazione.

La mostra sarà visitabile fino al 20 Febbraio 2016, tutti i giorni dalle 9 alle 22, presso la sala espositiva del Margaret Cafè, in Via Madonia 93 a Terrasini (PA).

Precedente Vista per Voi: Incipit 2016 da Elle Arte Successivo Gli scorci interiori di Francesco Caltagirone