Grazie cari Follower!

Buon forno a tutti i superstiti connessi! Immagino che molti di voi siano partiti per le vacanze, vero?

Io sono rimasta su Panormitania – pare un pianeta di una galassia sconosciutissima! – e, come avrete notato, scrivo poco ma continuo a tenere tutto sotto controllo alla George Orwell!

Il post di oggi non sarà mostruoso – ci pensa già il tempo asfissiante ad esserlo! – ma  puramente informativo e tanto lusinghiero!

Negli ultimi giorni i miei follower della pagina Facebook di Panormitania sono cresciuti tantissimo, grazie a chi crede nella passione e nella dedizione che la vostra Marga Rina mette nell’operare ogni giorno per le lande internettiane!

I followers sono cresciuti (come potete constatare scorrendo fino in fondo questo post!) e sono più di 700 e sono contentissima! Devo, in particolare, ringraziare  pubblicamente qualche persona che ha, negli ultimi tempi, contribuito molto alla loro crescita e alla crescita della fama di Panormitania: mi riferisco ad Antonino Battaglia e alla famiglia Caputo, dei quali vi offro le due perle che oggi sono il vero cuore del post.

L’amico Antonino Battaglia ha recentemente dedicato questi fantastici versi al blog Panormitania:

COSI’ COME VIENE
Lei è bella 
come una stella
metafora allegra
del tempo
dell’io…
l’intelligenza non può
non ne conosce la strada
meglio l’amore
almeno sulla carta
suprema ragione.
(Antonino Battaglia, Pa 31.7.2015)

Sono un vero e proprio elogio della Passione e dell’Amore che guidano gli occhi e le dita della vostra Marga Rina quando scrive e sono un invito a continuare, a migliorarsi e a creare.

11754475_10153640664440466_1836078177607771756_o
Ginestre in riva al mare – Salvatore Caputo

L’immagine che accompagna il post è una recente opera di Salvatore Caputo, amico di Panormitania insieme con le sue figlie Ilaria (la godot-iana!) e Lisa. “Ginestre in riva al mare” sarà parte integrante della mostra personale di Salvatore Caputo dal titolo “Sulle tracce del Mito”, la quale sarà inaugurata l’8 agosto 2015 a Capo d’Orlando (cliccate sul titolo della mostra per saperne di più!).

L’opera in evidenza raffigura due palme, che, nella mia personalissima interpretazione, rappresentano l’Amore e la Passione le quali, illuminate dal chiaro di Luna, si stringono in un abbraccio, mentre, respirando il profumo intenso della ginestra, osservano il mare di notte e una delle isole Eolie – ben visibili dalla posizione panoramica della sede espositiva, Villa Piccolo di Calanovella – che si lascia ammirare, rimirare e contemplare…una metà apparentemente lontana ma vicina al cuore di chi guarda.

Grazie tante, Amici Miei!

Precedente Sulle tracce del Mito insieme con Salvatore Caputo! Successivo Bon, nuova intervista a...Pascal Catherine!