Gli Specchi e le carte di Momò Calascibetta alla Mondadori di Palermo

Sarà presentato mercoledì 25 maggio 2016, alle ore 18, al Mondadori Megastore (via Ruggero Settimo 18) di Palermo il libro “Specchi. 22 carte per riflettere sui nostri comportamenti e sul nostro mondo interiore” (Vangelista Editore) di Momò Calascibetta e Raffaella Marcaletti. Interverranno l’artista Momò Calascibetta, l’amico critico d’arte e curatore Giuseppe Carli, il docente di discipline dello spettacolo Rocco Micale e la psicologa clinica Maria Maddalena Viola.

specchi

L’opera consta di un libro e, per l’appunto, di 22 carte dipinte ad arte da Momò Calascibetta: come evoca il sottotitolo, sono carte che esortano a riflettere  sulla propria personalità e ad incontrare un’immagine inaspettata di ognuno di noi…attraverso un vero e proprio gioco di specchi!
Le prime tre carte rappresentano la triade della struttura psicologica, Super-Io, Io e Es, seguono i quattro elementi naturali, Fuoco, Terra, Aria e Acqua, dei quali, secondo il filosofo Empedocle, erano formate tutte le cose; seguono 7 dee (archetipi femminili) e 7 dei (archetipi maschili), come Zeus nell’immagine sottostante, della Grecia classica; a chiudere il mazzo, come ventiduesima carta, è rappresentato l’Inconscio.
Questo insieme eterogeneo di simboli attraverso il gioco acquista significato, perché permette di creare combinazioni che stimolano l’introspezione e il confronto fra i diversi aspetti della propria realtà interiore.

13217345_1085396758169991_4196089633888841868_o

Non è, infatti, possibile definire facilmente noi stessi, né farlo definitivamente perché la nostra personalità muta con le nostre esperienze, quando agiamo sul mondo o quando reagiamo a quello che accade intorno a noi, quando siamo soli o quando interagiamo con gli altri: una parte di noi, infatti, ci spinge a seguire i nostri desideri e i nostri impulsi, mentre un’altra ci ricorda le norme morali ed etiche imposte dal nostro ambiente culturale. Noi mediamo continuamente fra le loro opposte tensioni e, razionalmente, cerchiamo di realizzare noi stessi, per quanto l’inaccessibile Inconscio ci suggestioni in modo profondo. Gli Specchi riflettono il fascino delle divinità classiche, facendone soggetti delle carte di Momò Calascibetta e incarnazioni di personalità diverse che, per chi vorrà giocare secondo le regole indicate nel libro, si intrecceranno per delineare gli aspetti del nostro carattere.
Le sfumature dell’indole degli dei sono attualizzate non soltanto dal meccanismo del gioco ma anche dalle immagini dell’artista, noto per la sua evidente originalità e per la sua capacità di osservare, in modo oculato, la società moderna. Le scelte cromatiche di Momò e l’accostamento di alcuni elementi apparentemente tra loro lontani, stimolano l’introspezione e rendono accessibile il mistero che naturalmente deriva dall’osservazione della natura del nostro intimo. L’opera, così strutturata, fornisce nozioni documentate dei miti antichi e della psicanalisi. Le immagini delle carte sono, quindi, non soltanto un’effige di un archetipo, ma un dipinto d’autore in miniatura e Il gioco illustrato nel libro, stimola la riflessione e fornisce una descrizione della nostra personalità. Diventa uno strumento utile per riflettere su noi stessi in più occasioni, scoprire come siamo mutati e condividere con i nostri amici l’impressione reciproca del nostro modo di essere e apparire.

Siete pronti a giocare con le carte di Momò?

Precedente Prorogata fino al 27 maggio: Vues de Palerme e de la Sicile, bella...ma sporca! Successivo I Miracoli di Katharina Maderthaner alla RizzutoGallery di Palermo