I furiosinnamorati di Tania Giordano al Museo Riso di Palermo

Sarà inaugurata giovedì 8 dicembre 2016, alle ore 18, a Palazzo Belmonte Riso, sede del museo d’Arte Contemporanea della Sicilia (Corso Vittorio Emanuele 365) di Palermo, “I furiosinnamorati”, mostra personale di Tania Giordano.

Partendo dalla considerazione che l’Orlando Furioso è tra i capolavori letterari che più hanno generato una tradizione pittorica e iconografica nel corso dei secoli, e che questo notissimo poema ariostesco ha una complessa struttura policentrica abitata da personaggi che derivano anche dall’Orlando Innamorato di Matteo Maria Boiardo, Tania Giordano descrive, intreccia e ricrea nei suoi particolarissimi collage il tema dell’amore. L’amore è, infatti, un tema centrale in entrambi i poemi, che i personaggi declinano in svariate forme e situazioni, fino alla pazzia d’amore. Tania Giordano tratteggia ciascuno personaggio in una libera interpretazione, rielaborandoli con la tecnica del collage, per l’appunto, tenendo conto delle loro diverse personalità e del ruolo che, differentemente,  ricoprono nella narrazione.

15202661_10209489987939393_6163957181419307111_n

Scrive Tania Giordano stessa a proposito dei suoi “furiosinnamorati”:

Sono furiosi e innamorati, vengono dalla trama del testo e dall’ordito del teatro, ri-nascono in un nido cartaceo e prendono forma dai ritagli che li compongono. Uno per foglio, uno per immagine, uno per un pensiero o per un’intuizione, due se son cavallo e cavaliere insieme e…uno per il personale racconto (il mio) plasmato dalla quotidianità del teatro vissuto, scandito dal tempo di attesa dietro i fondali del teatrino, dove ogni pupo-personaggio nasce nel momento in cui entra in scena e tu… aspetti… aspetti con lui, lei, loro. Agisci nel comune esercito paladinico saracenico, felice di viverne le diverse uguaglianze, vedi ombre di elmo e turbante, suoni di battaglie e abbracci d’amore, l’orecchio ascolta formule magiche e il corpo è lì come muto albero del Bosco della Foglia, la cui corteccia vede il passaggio di cavalieri e destrieri, dame e giganti, serpenti e maghi, ognuno ha un suo speciale disegno, un interesse che lo muove, un amore, una ricerca, un tradimento, una sconfitta, una vittoria, un’amicizia, un regno, un oggetto, un segno o solo un animo in continuo movimento… poiché sei cavallo e cavaliere errante, sei bestia umana e camminare sognando devi… da Oriente a Occidente… sconfinando sempre… cercando, incontrando, scontrando… camminando su una personale geografia… anche solo con la luna assolata della fantasia! Il… Solvite me… lo scioglietemi (come dice Orlando ai suoi compagni dopo la follia) della loro esistenza sono il corpo-voce dell’Oprante… che tutti loro tiene dentro come maglie di filati sciolti, nell’attesa di annodarli in prossime avventure colorate dall’infuso che mescola insieme saggezza e follia… come il prezioso liquido dell’ampolla del Senno di Orlando… come la vita!

Piacciavi… rivolger uno sguardo verso loro!!!

Incuriositi eh?

La mostra sarà visitabile fino al 28 febbraio 2017, da giovedì a sabato, dalle 10 alle 24, mentre domenica, martedì e mercoledì, dalle 10 alle 20 (chiusa il lunedì) a Ingresso Gratuito.

Precedente I motivi del Visibile e non solo da Elle Arte a Palermo Successivo Vista per Voi: "Cloisonnè" da Bobez a Palermo