Fermoimmagine di Catania Zingali da Elle Arte a Palermo

Venerdì 1 dicembre 2017, alle ore 18, presso la Galleria Elle Arte (via Ricasoli 45) di Palermo, sarà inaugurata “Fermoimmagine”, mostra personale di Salvo Catania Zingali, a cura di Salvo Ferlito.

La ricca tavolozza dell’autore propone trenta oli recenti in cui l’attimo è fissato come in un’istantanea che testimonia e racconta frammenti del quotidiano.
Le opere di Catania Zingali si manifestano all’occhio dell’osservatore come un “fermo immagine” che sembra congelare l’azione all’interno dei confini del quadro.
Gli scorci della vita di tutti i giorni, le strade percorse, i luoghi visitati, le persone incrociate per caso o scorte da un punto di vista più o meno lontano diventano i protagonisti delle tele, quasi a raccontare il fluire del tempo scandito da semplici ma irripetibili momenti.
Talvolta lo sguardo dell’autore è rivolto verso il cielo o al contrario è puntato dall’alto su lontane prospettive, raccontando il suo universo pittorico fatto di piccoli eventi, di uomini, animali ed oggetti che si trasformano in materia e colore sulla tela.
La principale fonte di ispirazione dell’artista è la strada, affollata da uomini e mezzi di trasporto, densa di vita e pervasa da un “caos calmo”, animata da sconosciute identità in transito. Non mancano le nature morte, fissate in inconsuete visioni aeree, straniate dai canoni del genere e proprio per questo intriganti ed originali.
Catania Zingali non ricerca la bellezza da immortalare, piuttosto conferisce dignità e valore a situazioni e cose apparentemente insignificanti e banali che la sua pittura impregna di una poetica malinconica e a tratti struggente, ma non per questo priva di consapevolezza e di ironia.
All’inaugurazione sarà presente l’artista.
La mostra si protrarrà fino al 22 dicembre 2017 e sarà visitabile dalle 16:30 alle 19:30. Chiusa 8, 9 dicembre e la domenica.
Per informazioni tel. 091-6114182; e-mail [email protected]www.ellearte.it

Precedente Continuando a dialogare nei non luoghi di Maria al Piccolo Teatro Patafisico Successivo Al Museo Pepoli di Trapani, Fulgori d'una pulsar