Dal 2 ottobre, Cristiano Guitarrini accende i suoi fuochi a Palermo!

Sarà inaugurata alle ore 18 di venerdì 2 ottobre 2015, presso la Galleria Elle Arte di Palermo, “Nei fuochi della città”, mostra personale di Cristiano Guitarrini (leggete l’intervista che mi ha rilasciato!).

L’esposizione riunisce ventidue oli e quattro acquarelli, realizzati dall’artista di Bracciano tra il 2012 e il 2015, intorno a un tema assai caro alla vostra Marga Rina e ai follower di Panormitania: i fuochi cittadini come fulcri o (forse) come cuori pulsanti, con peculiare riferimento a Palermo. Alla città di Palermo, infatti, da Guitarrini definita “un coacervo contraddittorio di infinita bellezza e oscurità” ha rivolto uno sguardo e un’attenzione peculiari e assai sentiti perché la sua è una pittura emozionale ed espressionistica ma, al contempo, pregna di tensioni metafisiche.

In una testimonianza riportata sul catalogo di “Nei fuochi della città”, ecco cosa afferma il pittore spagnolo Pedro Cano: “Cristiano Guitarrini cammina nelle città e in questo viaggio coglie il loro immenso caleidoscopio: emozioni e sentimenti che, con enorme maestria, traduce in pittura. Era un adolescente quando mi mostrò per la prima volta il suo lavoro e fui subito meravigliato dalla qualità delle sue opere. I suoi disegni erano di grande valore e sono stati la base per raccontare la bellezza ed il dolore attraverso una pittura ricca, a volte impalpabile, altre volte fortemente materica”.

12001011_606070176202409_7905944031394287812_o
Visione del Canto – Cristiano Guitarrini

La bellezza e il dolore sono raccontati in pittura attraverso i fuochi, ossia, come scrive Aldo Gerbino, che sono “le luci architettoniche che ardono o le ceneri prodotte dal degrado” o, come accade magicamente nell’opera “Oleandro fiorito”, sono le energie positive che miracolosamente la Natura sovrana diffonde per illuminare i cuori ingrigiti o, come accade nella magnifica “Visione del Canto”,  sono le luci che irradia l’architettura stessa per fascinare e annullare i turbamenti e le brutture nostrane.

La mostra sarà visitabile fino al 30 ottobre 2015, nei consueti giorni e orari di apertura della galleria, ossia dal martedì al sabato, dalle 16,30 alle 19,30, esclusa domenica  e festivi.

L’artista sarà presente in galleria, per incontrare il pubblico, oltre che al giorno dell’inaugurazione, anche il 3 ottobre.

Precedente Visti per Voi: Villino Favaloro e le Stanze d'Aragona! Successivo La pittura emozionale di Cristiano Guitarrini