Continuando a dialogare nei non luoghi di Maria al Piccolo Teatro Patafisico

Giovedì 30 novembre e venerdì 1 dicembre 2017 non prendete impegni perché vi attende un evento imperdibile e assai originale.

La mostra collettiva a tema mariano dal titolo “Continuando a dialogare su Maria” di cui la vostra Marga Rina ha scritto poco tempo fa (clicca qui per leggere il post dedicato) raggiunge una sede espositiva assai insolita e sarà accompagnata da una particolarissima visita guidata.

Giovedì 30 novembre alle ore 19 e alle ore 21 e venerdì 1 dicembre alle ore 19 e alle ore 21, Maria, mediante le opere che fanno parte della collettiva, incontrerà la realtà dell’ospedale psichiatrico di Palermo invadendo per due giorni gli spazi del Piccolo Teatro Patafisico (Via Gaetano La Loggia 5). Un gruppo di pazienti, costituitisi in compagnia teatrale col nome de “I Clandestini”, reduci da esperienze teatrali quali “Insanamente Riccardo terzo” di Roberta Torre e “Sette contro Tebe” di Giovanni Mendola, performeranno e daranno voce alle emozioni provenienti dalla figura di Maria. In una incessante tensione tra il sentimento della maternità e quello della perdita della sacralità, attraverso il ritmo del respiro, si svilupperà il dialogo con cui “I Clandestini” accompagneranno i partecipanti alla speciale visita, alla scoperta “emozionale” dei lavori in mostra “nei NON LUOGHI di Maria”.

Continuando a dialogare nei non luoghi di Maria”, titolo rivisitato per l’occasione, sarà, quindi, una performance artistica a 360 gradi perché in essa dialogheranno le voci, i respiri e le sensazioni tipicamente teatrali con le immagini degli artisti della collettiva che, ricordiamolo, riunisce le opere di Fiorella Bonanno, Pupi Fuschi, Lucio Greco, Carla Horat, Serena La Scola, Chiara Lera, Stefano Alesa Lov, Rocco Micale, Gina Nicolosi, Igor Scalisi Palminteri, Jenny Schillaci, Fabio Sciortino, Accursio Truncali e gli amici di Panormitania (che la vostra Marga Rina ha avuto il piacere di incontrare ed intervistare!), Enzo Tardia e Tiziana Viola Massa.

L’evento è un progetto nato da una “provocazione” di Rocco Micale e Marcella Bardi con la “complicità” di Giovanni Mendola.

L’ingresso a entrambe le performance è libero ma bisogna prenotare perché i posti sono limitati. Basta chiamare il numero 3661545786.

Per info dettagliate vi rivio alla pagina facebook dell’evento, dove sono stati pubblicati dei video promozionali.

Precedente I Color in motion di Rainer Splitt alla RizzutoGallery di Palermo Successivo Fermoimmagine di Catania Zingali da Elle Arte a Palermo