Cerco Casa degli Specchi con Vita Interiore, personale di Roberto Fontana da…Panormitania!

L’Anti Narciso

Specchio d’acqua

Specchio di luce

Cullami,

sostienimi

Annegami

Così saremo un tutt’uno. (Margherita Musso)

Ebbene sì! Ce l’ho fatta!!!!! Pure la vostra Marga Rina (al secolo Margherita Musso), oltre a scriverne, ha deciso di organizzare un evento mostruoso tutto suo!!!!!!! Eccovi cosa ho organizzato, cui spero parteciperete in massa perché le sorprese non mancheranno!!!!!

Sarà inaugurata giovedì 17 marzo 2016, alle ore 18:30, negli uffici della Panormitania Service/MQ Immobiliare di via Francesco Lojacono 10, a Palermo, “CERCO Casa degli Specchi con Vita Interiore”, mostra personale pittorica di Roberto Fontana.

12787312_10153306315702115_1612795966_o
La bestia in me – Roberto Fontana

La mostra, curata, allestita e pubblicizzata dalla vostra Marga Rina, riunisce una selezione di autoritratti doppi e trini dell’artista palermitano, realizzati tra il 2006 e il 2016. In essi, infatti, Roberto Fontana si ritrae spesso di fronte ad uno specchio mentre la sua immagine duplica o triplica se stessa, frammentandosi in pezzi acuminati e sofferti di un puzzle.

Lo specchio diviene, quindi, una sorta di alter ego deformato con il quale dialogare e riflettere alla ricerca di una vita (e di una vista) interiore di conforto, proprio come evoca il titolo dell’esposizione, simpaticamente strutturato come un annuncio immobiliare proprio perché saranno la location gli uffici di un’agenzia immobiliare, il cui nome vuole celebrare proprio il blog Panormitania!!!!!

Tornando agli autoritratti di Fontana, egli pare somatizzare lo spaesamento e la spersonalizzazione dello spirito contemporaneo da proiettarli vigorosamente sulle sue tele di grande formato, dalle quali affiorano volti emaciati, smorfie addolorate e corpi in agonia. E come per i virtuosismi ottici con gli specchi convessi di Escher, nell’artista palermitano a prevalere sono la deformazione dei corpi e dei volti, spesso piegati in contorsioni urlate, l’apertura oltre la tela che pervade il visitatore e lo stravolge con sensazioni forti, il ribaltamento della destra con la sinistra, che è anche un’estraniazione dalla propria immagine che coesiste con un paradossale autoriconoscimento.

L’unico bagliore di speranza è rappresentato dal suo riflesso speculare, mediante il quale nutre i suoi equilibri interiori, in cui proietta le sue aspirazioni e con cui confronta i suoi turbamenti. Lo specchio è lo strumento col quale ama di più dialogare in cerca risposte, di conferme e di fuga. “Dipingere, per me, è nutrimento, è ritrovare l’equilibrio” mi ha confessato e proiettarsi nei suoi autoritratti diviene un dialogo intimo ed interiorizzato in cerca di una sua personalissima vista pacificata. L’artista palermitano non si specchia per auto contemplarsi come un novello Narciso, tutt’altro. Ma come un anti Narciso del Terzo Millennio, mira a fracassare lo specchio, bypassare il suo volto, di trapassare il suo sguardo e trovare la sua pace in un’epoca storica di sovvertimento di valori e di terremoti virtuali.

Accorrete numerosi, perché le sorprese non mancheranno!

La mostra sarà visitabile fino al 25 marzo 2016, tutti i giorni (domenica esclusa) dalle 16:30 alle 19:30 ad ingresso gratuito.

Per info: [email protected], https://www.facebook.com/Panormitania, Evento su Facebook

Precedente L'anima e la materia di Angelo Denaro da Elle Arte Successivo Cherchez la femme alla Galleria Studio 71