Adagio senza tempo a Palazzo Belvedere

Allestimento + + + +

La disposizione e dislocazione rispecchia il gusto più abituale e più adottato nell’esibire opere d’arte non contemporanea. Risponde alle aspettative del visitatore tipo, abituato a gustare l’arte ottocentesca e precedente dentro eleganti cornici e nei musei.

Accoglienza + +

Il visitatore vaga solo per le sale. Opinabile è la scelta di un sottofondo di musica jazz per opere pittoriche sulla Sicilia dell’800!

Artisti + + + +

Un’ammirevole selezione di artisti che hanno saputo eternare i colori e i paesaggi siciliani

 N.B. per la comprensione dei punteggi, clicca QUI.

——————————————————————————————————————————————–

Sarà visitabile fino al 15 marzo 2015, nelle sontuose sale al Piano I di Palazzo Belvedere, a Palermo, “Adagio senza tempo. Dipinti dell’800 siciliano”.

In mostra è una selezione di 30 oli su tela e tavola appartenenti all’ottocentesca Collezione Morra, cui confluirono opere di artisti romani, napoletani, toscani, lombardi, veneti e, soprattutto, siciliani: tutti artisti accomunati dalla medesima aspirazione a sganciarsi dal dogmatismo accademico e protesi verso un empatico naturalismo e un verismo espressionistico.

12

Come si evince dal sottotitolo di “Adagio senza tempo”, l’esposizione include 30 paesaggi e scorci, sia siciliani sia parigini di 5 artisti siciliani: su tutti spicca il nome di Francesco Lo Iacono, cui seguono  non senza minore importanza e notorietà, Michele Catti e Antonino Leto.  Chiudono le danze Mario Mirabella e Erminio Kremp, seguaci dei 3 artisti precedenti dai quali hanno ereditato la medesima passione paesaggistica intrisa di sentimento, emozioni, amori e umori.

Emergono le soleggiate e a tratti “polverose” tele di Lo Iacono, emblema ampiamente riconosciuto della Sicilia dell’800 (come ha scritto Alfredo Schettini, tra i curatori di “Pittura italiana dell’Ottocento nella collezione Morra”, “Chi dice Lo Iacono dice Sicilia”!), ma gli fanno capolino le acquose melanconie di Michele Catti e i nebulosi scorci cittadini del monrealese Antonino Leto.

13

Pregevolissime, infine, sono le opere da cartolina di Erminio Kremp, una delle quali è visibile nella seconda figura, e grondanti colore spalmato alacremente sulla tela, gli afosi paesaggi di Mario Mirabella.

Titolo: Adagio senza tempo. Dipinti dell’800 siciliano

Dove: Palazzo Belvedere

Via Quintino Sella 76, Palermo

Fino al 15 marzo 2015

Orari: mar.-sab. 10,30-13; 17-19; domenica 10,30-13

Ingresso gratuito

Precedente Diamo i voti! Successivo Virgo et Virago alla Galleria Studio 71 prorogata fino al 4 aprile!!!!